Il laboratorio di lettura è anche questo!

Ingrediente base per il laboratorio di lettura è l’incontro e l’immersione con i libri in diverse forme, anche con chi ha fatto della lettura il proprio mestiere di ogni giorno con passione e fatica.

Sono venute a trovarci due ospiti d’eccezione: Marika e Sandie della libreria Amemì di Mirandola.
Con i ragazzi della 2I abbiamo ascoltato, assaporato e gustato “Non smettere di volermi bene” da Ascolta – Salmi per voci piccole di Giusi Quarenghi e Anais Tonelli e un brano de Il club della Via Lattea di Bart Moeyaert.
Abbiamo letto ad alta voce, ascoltato con attenzione e “grandi orecchie e occhi aperti, scritto le nostre riflessioni sul taccuino e poi le abbiamo condivise insieme.

Ci è sembrato giusto coronare questo incontro con un “quickwrite” su cosa significhi leggere, piccole poesie che appenderemo in libreria naturalmente.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Un sentito grazie a tutti per questa giornata speciale insieme.

Imparare l’importanza di essere se stessi con gli illustrati

gli ughi

Io e i ragazzi della 2I ci siamo regalati la lettura di “Gli Ughi e la maglia nuova” di Oliver Jeffers, un illustrato che ci ha permesso di riflettere sull’importanza di essere se stessi in un mondo moderno dove spesso l’imperativo è “essere tutti uguali”, l’importanza di diventare dei “Ruperto”, anche quando è difficile e tutti ci sono contro per diventare noi stessi e realizzarci.

Ho scelto La lettura questo illustrato per introdurre il laboratorio di lettura e le tecniche di riflessione sul libro (F. Serafini).

Sfogliando un illustrato – prima puntata

Condividerò presto le riflessioni dei ragazzi che raccoglieremo venerdì in un Padlet.

Ritorno dalle vacanze con …

In 2I abbiamo svolto un’attività di accoglienza per riprendere dopo le vacanze estive.

Ho consegnato ad ogni alunno due post-it: sul primo dovevano scrivere che cosa portavano con se dell’estate per questo anno scolastico, sul secondo invece un obiettivo  o un proposito  per il nuovo anno insieme.

Abbiamo condiviso doni dell’estate e propositi e attaccato i post-it su un cartellone che poi abbiamo appeso in classe.

L’attività è stata molto utile anche per far emergere dai ragazzi temi e argomenti di lettura e scrittura per questo nuovo anno scolastico come l’amicizia e il valore dello stare bene insieme.IMG_0811

Working in progress 2I

Questo slideshow richiede JavaScript.

F. Serafini ci insegna che nei primi giorni di scuola gli studenti decideranno come allestire la propria aula, gli spazi per il laboratorio di scrittura e lettura, la biblioteca.

La 2I è già al lavoro: c’è chi si occupa dell’angolo della scrittura e i relativi materiali, chi prepara taccuini tematici, chi prepara le scatole che conterranno i libri divisi per genere, chi incarta libri e chi allestisce e decora “sedie del lettore e scrittore”, altri preparano cartelloni, elenchi di libri e modulistica per il prestito …

 

 

 

Un anno insieme alla 1I

Pubblico la presentazione della serata di condivisione con i genitori dell’esperienza di Writing and Reading Workshop realizzata con la classe 1I.

E’ stata un’esperienza arricchente e gratificante, è stato bello vedere genitori e ragazzi soddisfatti e orgogliosi del loro lavoro. E’ stato un cambiamento importante, una svolta profonda nella mia didattica.

Un sentito grazie va a Jenny Poletti Riz per avermi aperto la strada verso un mondo inesplorato, regalato un nuovo modo di insegnare e aver condiviso con me la sua esperienza (e pensare che l’anno scorso, in questi giorni, stavo ordinando su Amazon “In the middle”  … se mi guardo indietro ora quanta strada … e quanta ancora ne dovrò fare!) e alle colleghe delle Italian Writing teachers che, con la loro passione, esperienza e bravura, sono state per me un esempio e mi hanno fatto da guida in questo anno scolastico.

Un grazie ancora più grande va a Serena Neri, Ilaria Luppi, Anna Perretta, Laura Vallo e Antonella Verri per avermi sempre sostenuta e incoraggiata, aver condiviso con me questo viaggio.

Writing and reading workshop: esperienza sul campo

Schermata 2017-06-14 alle 16.16.40.png

Parlare e conoscere la lotta alla mafia attraverso i libri

Con i ragazzi della 3B abbiamo affrontato il tema della mafia e conosciuto tanti piccoli grandi eroi che hanno sacrificato la loro vita per la giustizia e la legalità attraverso due libri:

Per questo mi chiamo Giovanni di Luigi Garlando e La scelta di Luisa Mattia.

Con i ragazzi abbiamo raccolto in un padlet le frasi che li hanno più colpiti, emozionati,  le loro riflessioni per non dimenticare e fare “la scelta” giusta nella vita.

Made with Padlet